I Dolcissimi.................

Ho sempre adorato cucinare e in particolare fare dolci, ma non quelli da grandi chef complicati e difficili.....Una bella torta di mele, una soffice torta al cioccolato, l'importante è che sia fatta con semplicità e amore e che delizi i palati che le gusteranno.....LA DOLCEZZA E' IL BENE PIU' PREZIOSO DA DONARE A CHI SI AMA !

Lettori fissi

sabato 2 luglio 2011

***RISO E LENTICCHIE ALLA ROMANA***


http://vecchisapori.blogspot.com/

INGREDIENTI :250 gr di lenticchie ammorbidite- 250 gr di riso- 50 gr di lardo- 1 cipolla- 1 costa di sedano- 2 pomodori maturi- 1 spicchio d'aglio- 2 cucchiai di prezzemolo tritato- pecorino grattugiato- una noce di burro- sale e pepe-.

Sbucciate la cipolla, tritatela e fatela imbiondire in una casseruola con il lardo sciolto. Unite l'aglio e il sedano tritato, i pomodori a pezzettini e circa 2 litri e mezzo d'acqua. Salate, pepate e portate a ebollizione e poi spegnete il fuoco. Lasciate intiepidire. Unite le lenticchie scolate e cuocete per 2 ore dal momento dell'ebolizione. Quindi unite il riso e cuocete per 15 minuti circa; regolate di sale e pepe, mantecate con burro e pecorino grattugiato, mescolate e unite il prezzemolo tritato.
La foto mi è venuta un pò sfocata , si vede poco . Alla prossima ricetta di riso e lenticchie farò meglio!!!!!CIAO A TUTTI...

2 commenti:

  1. Ottimo riso, quanto mi manca la cucina romana, che poi è la cucina di casa mia. Ho scoperto per caso il tuo blog, è molto allegro e ben curato e non voglio più perdermelo; da adesso sono una tua nuova follower, baciotti

    RispondiElimina
  2. Grazie Stefania...ti verrò a trovare
    Un abbraccio!!!

    RispondiElimina

°°° ER PORCO E ER SOMARO°°°

Una mattina un povero Somaro, ner vede un Porco amico annà ar macello, sbottò in un pianto e disse:-" Addio, fratello: nun se vedemo più, nun c'è riparo! " -Bisogna esse filosofo, bisogna; -iè disse er Porco -via, nun fà lo scemo chè forse un giorno se ritroveremo in quarche mortadella de Bologna! TRILUSSA