I Dolcissimi.................

Ho sempre adorato cucinare e in particolare fare dolci, ma non quelli da grandi chef complicati e difficili.....Una bella torta di mele, una soffice torta al cioccolato, l'importante è che sia fatta con semplicità e amore e che delizi i palati che le gusteranno.....LA DOLCEZZA E' IL BENE PIU' PREZIOSO DA DONARE A CHI SI AMA !

Lettori fissi

venerdì 1 luglio 2011

***BARCHETTE DI PERE AL MASCARPONE***

INGREDIENTI :4 pere non troppo mature- 5 dl di spumante secco- 1 foglia di alloro- 1 stecca di cannella di 3 cm- 200 gr di mascarpone- 30 gr di parmigiano grattugiato- 30 gr di pistacchi sgusciati- sale-.


http://vecchisapori.blogspot.com/

Lavate le pere, ascuigatele, e servendovi di un rigalimoni, praticate delle incisioni sulla buccia. Portate a ebollizione in un tegame lo spumante con 3 dl di acqua, la cannella, l'alloro e un pizzico di sale. Immergetevi quindi le pere e fatele cuocere per 20 minuti a fuoco basso. Sgocciolate le pere e lasciatele raffreddare. Dividetele a metà e scavatene la polpa, lasciandone uno strato di 5 cm circa si spessore, quindi frullate la polpa asportata. Mescolate in una terrina il mascarpone e il parmigiano grattugiato con la polpa frullata delle pere fino a ottenere una crema omogenea. Riempite le mezze pere con il composto ottenuto, cospargetele con i pistacchi tritati e servite.

Sono indicate in questa preparazione le pere Williams, infatti la loro polpa bianca di sapore dolce- acidulo, possiede un aroma moscato caratteristico, che si sposa bene con il gusto cremoso del mascarpone.....Mentre cuociono si sprigiona un profumo di moscato e cannella che è favoloso...!!!!!

3 commenti:

  1. Uma receita maravilhosa. Bom fim de semana. Marta.

    RispondiElimina
  2. Sembra un dolce, ma non lo è. Bellissimo

    RispondiElimina
  3. Infatti è dolce e frutta tutto insieme...Grazie mille ..Un abbraccio!!

    RispondiElimina

°°° ER PORCO E ER SOMARO°°°

Una mattina un povero Somaro, ner vede un Porco amico annà ar macello, sbottò in un pianto e disse:-" Addio, fratello: nun se vedemo più, nun c'è riparo! " -Bisogna esse filosofo, bisogna; -iè disse er Porco -via, nun fà lo scemo chè forse un giorno se ritroveremo in quarche mortadella de Bologna! TRILUSSA