I Dolcissimi.................

Ho sempre adorato cucinare e in particolare fare dolci, ma non quelli da grandi chef complicati e difficili.....Una bella torta di mele, una soffice torta al cioccolato, l'importante è che sia fatta con semplicità e amore e che delizi i palati che le gusteranno.....LA DOLCEZZA E' IL BENE PIU' PREZIOSO DA DONARE A CHI SI AMA !

Lettori fissi

giovedì 30 giugno 2011

***TIMBALLO DI RISO ALLA ROMANA***

INGREDIENTI. 200 GR DI RISO- 100 GR DI BURO- 540 GR DI PANGRATTATO- 100 GR DI PROSCIUTTO CRUDO A DADINI- 2 SALSICCE- 400 GR  TRA CRESTE E OVETTI DI GALLINA, FEGATELLI ,ANIMELLE D'ABBACCHIO E FUNGHI- 4 UOVA- 1/2 CIPOLLA-1 SPICCHIO D'AGLIO- 1 LT DI BRODO DI CARNE-OLIO EXTRAVERGINE D'OLIVA-SALE E PEPE-.

http://vecchisapori.blogspot.com/

Preparate il ragù con l'olio, il prosciutto, la cipolla tritata, le rigaglie di pollo, le animelle, i funghi, le salsiccie a fettine e aggiustate di sale. A parte cuocete il riso, scolatelo, versatelo in una terrina e aggiungete 2 tuorli d'uovo, mescolate e lasciate riposare. Imburrate uno stampo per torte ( io ho usato quello per crostate ) e nella parte interna ponete le uova sbattute e il pangrattato, in modo da formare una doppia crosta. Sulla parete e sul fondo disponete il riso e nel mezzo versatevi il ragù, che coprirete con altro riso. Spolverate il tutto con altro pangrattato e qualche fiocco di burro e infornate a 160°C. Quando il timballo sarà gratinato capovolgete lo stampo e servite caldo.....è proprio nà bontà!!!!

4 commenti:

  1. Sono passata dalla tua cucina e mi è piaciuta. Mi appiccico e ti seguo! :-)

    RispondiElimina
  2. Non hai idea da quanto tempo vorrei farlo anch'io, trovo che oltre ad essere buono è anche bello da presentare in tavola!!!! Un abbraccio e buonissima giornata

    RispondiElimina
  3. Grazie un abbraccio e una bellissima giornata anche a te!!!

    RispondiElimina

°°° ER PORCO E ER SOMARO°°°

Una mattina un povero Somaro, ner vede un Porco amico annà ar macello, sbottò in un pianto e disse:-" Addio, fratello: nun se vedemo più, nun c'è riparo! " -Bisogna esse filosofo, bisogna; -iè disse er Porco -via, nun fà lo scemo chè forse un giorno se ritroveremo in quarche mortadella de Bologna! TRILUSSA