I Dolcissimi.................

Ho sempre adorato cucinare e in particolare fare dolci, ma non quelli da grandi chef complicati e difficili.....Una bella torta di mele, una soffice torta al cioccolato, l'importante è che sia fatta con semplicità e amore e che delizi i palati che le gusteranno.....LA DOLCEZZA E' IL BENE PIU' PREZIOSO DA DONARE A CHI SI AMA !

Lettori fissi

mercoledì 20 aprile 2011

*** IMPASTO BASE PER FARE LA FOCACCIA ***


http://vecchisapori.blogspot.com/

INGREDIENTI: 350 gr di farina "O"- 150 ml di acqua- 15 gr di lievito di birra- 2 cucchiai di olio extravergine d'oliva- 1 cucchiaino di sale grosso-
PER CONDIRE: 80 ml di olio extravergine d'oliva- 1 cucchiaio di sale fino-.
Diluite il lievito in 1/2 bicchiere d'acqua tiepida e fate altrettanto con il sale. Setacciate la farina in una larga zuppiera e intridetela con il lievito sciolto in poca acqua, aggiungendo gradualmente la rimanente acqua sempre tiepida, poi l'acqua salata e infine l'olio .Rovesciate la pasta sulla spianatoia e lavoratela con energia per 10-15 minuti, fino a quando risulta sufficientemente omogenea ed elastica. Coprite l'impasto con un telo umido e lasciatelo lievitare per circa un'ora in luogo idoneo. Riprendete a lavorare l'impasto, sgonfiandolo e manipolandolo per qualche minuto ancora. Spolveratelo con la farina, quindi spianatelo con le dita direttamente nella teglia di cottura o sulla placca da forno che avrete abbondantemente unto d'olio, fino a ottenere uno spessore di circa 1/2 cm, evitando però di lisciare eccessivamente la superficie che dovrà risultare un pò grossolana. Ungete la superficie  della focaccia con il rimanente olio e poi cospargetela con il sale fino. Cuocete a 200°C in forno già caldo per circa 25-30 minuti fino a quando la superficie risulterà ben dorata.....

2 commenti:

  1. Ciao molto bello e ricco il tuo blog, e poi vedo che ti dai molto da fare in cucina!!!
    Mi sono aggiunta ai tuoi sostenitori, se ti fa piacere passa a trovarmi.
    Buona serata

    RispondiElimina
  2. Grazie, Laura....sono contenta che ti piaccia il blog.Sicuramente verrò a trovarti...Buona Pasqua...

    RispondiElimina

°°° ER PORCO E ER SOMARO°°°

Una mattina un povero Somaro, ner vede un Porco amico annà ar macello, sbottò in un pianto e disse:-" Addio, fratello: nun se vedemo più, nun c'è riparo! " -Bisogna esse filosofo, bisogna; -iè disse er Porco -via, nun fà lo scemo chè forse un giorno se ritroveremo in quarche mortadella de Bologna! TRILUSSA