I Dolcissimi.................

Ho sempre adorato cucinare e in particolare fare dolci, ma non quelli da grandi chef complicati e difficili.....Una bella torta di mele, una soffice torta al cioccolato, l'importante è che sia fatta con semplicità e amore e che delizi i palati che le gusteranno.....LA DOLCEZZA E' IL BENE PIU' PREZIOSO DA DONARE A CHI SI AMA !

Lettori fissi

sabato 3 ottobre 2020

***BRUTTI MA BUONI***

 INGREDIENTI :   2 albumi -160 g di nocciole tostate -  130 g di zucchero a velo - 1 cucchiaio di estratto di vaniglia .

PROCEDIMENTO :    In un frullatore mettete le nocciole tostate e tritatele grossolanamente. Mettete in una ciotola gli albumi e con la frusta elettrica montateli leggermente e quando vedete che si sta formando la schiuma aggiungete lo zucchero a velo e la vaniglia e montate fino a quando non otterrete una meringa bella e stabile. A questo punto aggiungete le nocciole e mescolate delicatamente con una spatola. Versate il contenuto in una pentola antiaderente e mettete sul fuoco, cominciate a mescolare. Inizialmente diventerà semiliquidita poi piano piano si rapprederà e qui dovete misurare la temperatura. Dovete toglierla dal fuoco quando comincerete a far fatica a girare il composto ( intorno agli 85°- 90° ).  A questo punto foderate con carta forno una placca e fate dei mucchietti aiutandovi con un cucchiaio , il composto risulterà appiccicoso. Mettete in forno caldo a 150° per 25 / 30 minuti , ma dipenderà anche dalla dimensione che avete dato al biscotto . Quando li sfornerete risulteranno morbidi ma appena si raffredderanno diventeranno croccanti. 








Questi sono biscotti molto conosciuti e sono a base di nocciole e hanno una doppia cottura . Vi assicuro che sono irresistibile e di semplice esecuzione .

Nessun commento:

Posta un commento

°°° ER PORCO E ER SOMARO°°°

Una mattina un povero Somaro, ner vede un Porco amico annà ar macello, sbottò in un pianto e disse:-" Addio, fratello: nun se vedemo più, nun c'è riparo! " -Bisogna esse filosofo, bisogna; -iè disse er Porco -via, nun fà lo scemo chè forse un giorno se ritroveremo in quarche mortadella de Bologna! TRILUSSA