I Dolcissimi.................

Ho sempre adorato cucinare e in particolare fare dolci, ma non quelli da grandi chef complicati e difficili.....Una bella torta di mele, una soffice torta al cioccolato, l'importante è che sia fatta con semplicità e amore e che delizi i palati che le gusteranno.....LA DOLCEZZA E' IL BENE PIU' PREZIOSO DA DONARE A CHI SI AMA !

Lettori fissi

domenica 17 maggio 2020

***TRIPPA ALLA ROMANA***

INGREDIENTI :   1 Kg di trippa -  1 carota - 1 costa di sedano - 1 cipolla- polpa di pomodoro- 80 g di pecorino romano -1 bicchiere di vino bianco - mentuccia romana - sale q.b.

PROCEDIMENTO :    Prendete la trippa dal vostro macellaio di fiducia, lavatela bene sotto l'acqua corrente . Mettetela poi a bollire per circa 20 minuti , scolatela e una volta fredda tagliatela a listarelle. In un altro tegame preparate un trito con carota, sedano e cipolla e fateli soffriggere con un pò di olio evo , aggiungete la trippa. Lasciate insaporire e asciugare la trippa,quindi mettete il bicchiere di vino bianco. Una volta evaporato il vino aggiungete il pomodoro e qualche foglia di mentuccia ,mescolate bene e aggiustate di sale. Lasciate cuocere coprendo il tegame con un coperchio per circa 40 min. Una volta cotta la trippa, impiattate spolverizzandola con abbondante pecorino romano e aggiungete qualche fogliolina di mentuccia romana.




Questo è un tipico piatto romano che si ottiene utilizzando lo stomaco del bovino, in qualsiasi trattoria romana che si rispetti si trova nel menù Capisco che può non piacere a tutti e a me  da buona romana piace e ogni tanto a casa mia la faccio e qualche volta non solo per me ma anche per qualche amica che me la chiede e non le va di cucinarla. Provare per credere....!!!!!!!

Nessun commento:

Posta un commento

°°° ER PORCO E ER SOMARO°°°

Una mattina un povero Somaro, ner vede un Porco amico annà ar macello, sbottò in un pianto e disse:-" Addio, fratello: nun se vedemo più, nun c'è riparo! " -Bisogna esse filosofo, bisogna; -iè disse er Porco -via, nun fà lo scemo chè forse un giorno se ritroveremo in quarche mortadella de Bologna! TRILUSSA