I Dolcissimi.................

Ho sempre adorato cucinare e in particolare fare dolci, ma non quelli da grandi chef complicati e difficili.....Una bella torta di mele, una soffice torta al cioccolato, l'importante è che sia fatta con semplicità e amore e che delizi i palati che le gusteranno.....LA DOLCEZZA E' IL BENE PIU' PREZIOSO DA DONARE A CHI SI AMA !

Lettori fissi

lunedì 13 gennaio 2020

***FOCACCIA CLASSICA MORBIDA***


INGREDIENTI :  300 g di farina Manitoba - 200 g di farina 00 - 300 ml di acqua tiepida - 8 g di lievito di birra fresco oppure 1 cucchiaino di quello secco - 1/2 cucchiaino di zucchero (che servirà per attivare il lievito) - 10 g di sale - olio extra vergine d'oliva - rosmarino fresco -.

PROCEDIMENTO :  Sciogliere il lievito in poca acqua tiepida presa dai 300 ml . In una ciotola mettere le farine ,lo zucchero, mescolate. Aggiungere il lievito sciolto e aggiungere l'altra acqua ,2 cucchiai di olio, . mescolare tutto aggiungete il sale .L'impasto risulterà appiccicoso ,aggiungete poca farina e lavoratelo. Quando vedete che ha preso tutta la farina formate una palla mettetela in una ciotola fate con un coltello una croce sull'impasto e coprite con la pellicola trasparente e mettete a lievitare in forno spento con la luce accesa fino al raddoppio del volume.  Riprendete l'impasto e mettetelo su un piano di lavoro infarinato . spolverate di farina la superficie . Trasferite l'impasto su una teglia  da forno dopo averla oliata con olio, allargandolo bene con le mani facendo i classici buchi con i polpastrelli. Cospargere la focaccia con 2 cucchiai di olio extravergine , sale e rosmarino. Mettete in forno e lasciate lievitare per ancora  circa 30/40 minuti . Cuocete in forno a 200°C per 30/35 minuti , negli ultimi 2 minuti accendete il grill mettendola nella parte alta del forno cosi da prendere un bel colore. Lasciate intiepidire ....e la focaccia è pronta !!!! Potete anche farcirla a vostro piacimento...io avevo fatto i broccoletti e ce l'ho messi dentro .....che delizia!!!!!  BUON APPETITO.....

vecchisapori.blogspot.com




Nessun commento:

Posta un commento

°°° ER PORCO E ER SOMARO°°°

Una mattina un povero Somaro, ner vede un Porco amico annà ar macello, sbottò in un pianto e disse:-" Addio, fratello: nun se vedemo più, nun c'è riparo! " -Bisogna esse filosofo, bisogna; -iè disse er Porco -via, nun fà lo scemo chè forse un giorno se ritroveremo in quarche mortadella de Bologna! TRILUSSA