I Dolcissimi.................

Ho sempre adorato cucinare e in particolare fare dolci, ma non quelli da grandi chef complicati e difficili.....Una bella torta di mele, una soffice torta al cioccolato, l'importante è che sia fatta con semplicità e amore e che delizi i palati che le gusteranno.....LA DOLCEZZA E' IL BENE PIU' PREZIOSO DA DONARE A CHI SI AMA !

Lettori fissi

domenica 22 aprile 2012

*** BISCOTTI CON RISO SOFFIATO E NESQUIK ***

INGREDIENTI :  50 gr di farina - 50 gr di fecola - 50 gr di Nesquik - 80 gr di burro - 100 gr di zucchero semolato - 1 uovo - 100 gr di riso soffiato- 50 gr di gocce di cioccolato- 1 cucchiaino di lievito per dolci -.
http://vecchisapori.blogspot.com
Mettere in una ciotola il burro ammorbidito a temperatura ambiente e lo zucchero e mescolare fino a farlo diventare una crema, aggiungere l'uovo e mescolare bene, aggiungere la farina , la fecola , il Nesquik , il lievito , le gocce di cioccolato e il riso soffiato. Amalgamare tutti gli ingredienti con un cucchiaio di legno. Prendere un pò di impasto con le mani formando delle palline un pò schiacchiate al centro e" impanarle " con il  riso soffiato, sistemarle sulla placca rivestita con carta da forno distanziandole bene una dall'altra in quanto si gonfiano. Mettere in forno già caldo a 150°C per circa 15 minuti
Può essere una ottima merenda, gustose anche davanti al televisore la sera dopo cena...cosa che faccio spesso, sgranocchiare qualcosa di dolce mentre guardo la televisione la sera!!!

4 commenti:

  1. Il riso soffiato rimane legato a una golosia dell'infanzia (in realtà persiste...) il cioccorì, di cui ero innamorata!
    Questi biscotti me lo ricordano molto... e mi hai fatto venire una voglia!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo anche a me piaceva molto il cioccori'...mi ricordo che costava 20 lire...

      Elimina
  2. caspita devono essere squisiti!

    RispondiElimina

°°° ER PORCO E ER SOMARO°°°

Una mattina un povero Somaro, ner vede un Porco amico annà ar macello, sbottò in un pianto e disse:-" Addio, fratello: nun se vedemo più, nun c'è riparo! " -Bisogna esse filosofo, bisogna; -iè disse er Porco -via, nun fà lo scemo chè forse un giorno se ritroveremo in quarche mortadella de Bologna! TRILUSSA