I Dolcissimi.................

Ho sempre adorato cucinare e in particolare fare dolci, ma non quelli da grandi chef complicati e difficili.....Una bella torta di mele, una soffice torta al cioccolato, l'importante è che sia fatta con semplicità e amore e che delizi i palati che le gusteranno.....LA DOLCEZZA E' IL BENE PIU' PREZIOSO DA DONARE A CHI SI AMA !

Lettori fissi

venerdì 15 luglio 2011

***CORNETTI AI WURSTEL***

 Oggi a Roma fortunatamente si respira un pò d'aria fresca e quindi ho deciso di fare qualcosa al forno e visto che ci saranno alcune amiche di mia figlia a cena, ho deciso di fare questi cornetti come antipastino, tanto per tamponare lo stomaco visto che sono delle spazzolatrici incallite.......


http://vecchisapori.blogspot.com
INGREDIENTI  : 2 confezioni di pasta per focacce- 4 wurstel grandi- 100 gr di provola affumicata- salsa ketchup- 1 tuorlo d'uovo- olio per la teglia-.
Srotolate la pasta su una spianatoia leggermente infarinata e ricavatene dei triangoli con una rotella a lama liscia . Su un piano di lavoro tagliate a metà i wurstel nel senso della lunghezza e affettate sottilmente la provola affumicata.
http://vecchisapori.blogspot.com
Disponete su ogni quadrato di pasta un cucchiaio di salsa di ketchup, alcune fettine di provola e i wurstel tagliati a metà. Arrotolateli dalla base verso la punta , spennellate con il tuorlo dell'uovo. Appoggiate i cornetti sulla placca da forno leggermente unta o ricoperta con carta da forno e mettere in forno già caldo a 200°C per 25-30 minuti Togliete dal forno e servite tiepidi.
 

2 commenti:

  1. che buoni questi cornetti, io me li faccio spesso quando faccio lunghi viaggi in auto per avere qualcosa fatto da me da sgranocchiare. Un pò ti invidio per l'aria fresca qui ha fatto temporale ma poi le temperature sono diventate anche peggio di ieri. Baci

    RispondiElimina
  2. Bella idea quella di farli per portarli in auto e sgranocchiarli...
    Si oggi si sta meglio , speriamo che duri!!!Un abbraccio...

    RispondiElimina

°°° ER PORCO E ER SOMARO°°°

Una mattina un povero Somaro, ner vede un Porco amico annà ar macello, sbottò in un pianto e disse:-" Addio, fratello: nun se vedemo più, nun c'è riparo! " -Bisogna esse filosofo, bisogna; -iè disse er Porco -via, nun fà lo scemo chè forse un giorno se ritroveremo in quarche mortadella de Bologna! TRILUSSA