I Dolcissimi.................

Ho sempre adorato cucinare e in particolare fare dolci, ma non quelli da grandi chef complicati e difficili.....Una bella torta di mele, una soffice torta al cioccolato, l'importante è che sia fatta con semplicità e amore e che delizi i palati che le gusteranno.....LA DOLCEZZA E' IL BENE PIU' PREZIOSO DA DONARE A CHI SI AMA !

Lettori fissi

giovedì 28 aprile 2011

*** RAVIOLI CON CARNE***

INGREDIENTI : 300 GR DI FARINA- 3 UOVA INTERE- SALE- FARINA PER LA SPIANATOIA-.

http://vecchisapori.blogspot.com/

PER IL RIPIENO :  300 GR DI CARNE MACINATA- 100 GR DI MORTADELLA MACINATA- 1 PIZZICO DI NOCE MOSCATA- PARMIGIANO GRATTUGIATO- SALE-.
Mettere a fontana la farina sulla spianatoia, rompere le uova al centro unite un pizzico di sale e con una forchetta amalgamate piano gli ingredienti, quindi impastate con le mani e lavorate con una certa energia per circa un quarto d'ora, fino a quando otterrete un impasto sodo. Raccogliete l'impasto dandogli la forma di una palla, Avvolgetelo a un panno leggermente umido e lasciatelo riposare per circa 30 minuti. Nel frattempo mettete la carne macinata e tutti gli altri ingrdienti in una ciotola, insaporite con una presa di sale e amalgamate bene il composto.Riprendete la pasta e con il mattarello, stendetela sulla spianatoia infarinata, in modo da ottenere una sfoglia uniformemente sottile. Man mano che stendete la sfoglia, spolverizzate con poca farina  la superficie del tavolo e il mattarello per evitare che la pasta non si attacchi. Una volta pronta, mettere una manciatina di carne sulla sfoglia a distanza di 1 cm l'una dall'altro. Ripiegare con la pasta fino a chiudere, e con il tagliapasta  tagliare i ravioli. Mettere sul fuoco una capace pentola con dell'acqua , lasciare che prenda il bollore, salarla e calare i ravioli che risulteranno cotti fino a quando non affioreranno a galla. Scolarli e condirli a piacere.............

Nessun commento:

Posta un commento

°°° ER PORCO E ER SOMARO°°°

Una mattina un povero Somaro, ner vede un Porco amico annà ar macello, sbottò in un pianto e disse:-" Addio, fratello: nun se vedemo più, nun c'è riparo! " -Bisogna esse filosofo, bisogna; -iè disse er Porco -via, nun fà lo scemo chè forse un giorno se ritroveremo in quarche mortadella de Bologna! TRILUSSA