I Dolcissimi.................

Ho sempre adorato cucinare e in particolare fare dolci, ma non quelli da grandi chef complicati e difficili.....Una bella torta di mele, una soffice torta al cioccolato, l'importante è che sia fatta con semplicità e amore e che delizi i palati che le gusteranno.....LA DOLCEZZA E' IL BENE PIU' PREZIOSO DA DONARE A CHI SI AMA !

Lettori fissi

venerdì 3 gennaio 2014

***IL BROWNIE.. TUTTO CIOCCOLOSO***

INGREDIENTI  :     170 g di burro - 100 g di cioccolato fondente ( al 75% ) - 3 uova - 150 g di zucchero - 4 cucchiai di panna fresca montata -  120 g di farina -  2 cucchiaini di lievito -  1 cucchiaino di aroma alla vaniglia -  50 g di pinoli -  zucchero a velo per guarnire.


http://vecchisapori.blogspot.com

Fondere il burro con il cioccolato a bagnomaria lasciandolo intiepidire.  Intanto sbattere le uova intere con lo zucchero e l'aroma alla vaniglia  fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso. Unite il cioccolato fuso al composto insieme alla panna e i pinoli . mescolare delicatamente Setacciate la farina insieme al lievito unendola all'impasto poco alla volta.  Imburrare e infarinare uno stampo quadrato ( 30x30 se è possibile ), mettere in forno caldo a 180°C per circa 25 minuti. A cottura ultimata , far raffreddare e spolverizzate con zucchero a velo  e servire il brownie tagliato a quadrotti.
Una amore di dolcezza.......provare per credere!!!!

http://vecchisapori.blogspot.com

2 commenti:

  1. Lucilla cara, quando passo da queste parti mi sembra di giocare in casa! Sarà la faccia di Fabrizi che mi accoglie con tutta la sua simpatia?
    Questi quadrotti cioccolatosi sono talmente invitanti che già mi sto facendo i calcoli degli ingredienti che ho in dispensa... e ho detto tutto!!!

    RispondiElimina
  2. grazie Elly è sempre un piacere per me sentirti...bè Fabrizi fà parte della nostra cucina romana era doveroso inserirlo.....un abbraccio e a presto!!! sarebbe carino se ci incontrassimo!!!

    RispondiElimina

°°° ER PORCO E ER SOMARO°°°

Una mattina un povero Somaro, ner vede un Porco amico annà ar macello, sbottò in un pianto e disse:-" Addio, fratello: nun se vedemo più, nun c'è riparo! " -Bisogna esse filosofo, bisogna; -iè disse er Porco -via, nun fà lo scemo chè forse un giorno se ritroveremo in quarche mortadella de Bologna! TRILUSSA