I Dolcissimi.................

Ho sempre adorato cucinare e in particolare fare dolci, ma non quelli da grandi chef complicati e difficili.....Una bella torta di mele, una soffice torta al cioccolato, l'importante è che sia fatta con semplicità e amore e che delizi i palati che le gusteranno.....LA DOLCEZZA E' IL BENE PIU' PREZIOSO DA DONARE A CHI SI AMA !

Lettori fissi

lunedì 21 febbraio 2011

**** PASTA PER BRIOCHE DOLCI****

Per eseguire questa deliziosa pasta occorre : 250 gr di farina di tipo "O"- 75 gr di burro- 1/2 dl di latte- 25 gr di lievito di birra-2 uova- 40 gr di zucchero- 1/2 limone- sale.
Sciogliete il lievito fresco sbriciolato in 1/4 dl di latte tiepido. Lasciate riposare in modo che sulla superficie si formi una leggera schiuma. Nel frattempo versate a fontana sulla spianatoia la farina, già miscelata con un pizzico di sale, lo zucchero e la scorza del limone grattuggiata. Al centro mettete le uova e il burro a pezzetti e alla stessa temperatura degli altri ingredienti; coprite con poca farina unite il lievito, ormai pronto, e il rimanente latte impastando energicamente. Lavorate per 15 minuti in modo da ottenere un impasto elastico e omogeneo. Modellate l'impasto a palla e mettetelo a lievitare in luogo caldo, dopo averlo coperto con un panno. Trascorsa 1 ora circa, rimettetelo sulla spianatoia e lavoratelo ancora. Suddividetelo in pezzi delle dimensioni volute e fate terminare la lievitazione per il tempo necessario prima di cuocere in forno. Potete spennellare le forme ottenute con un uovo sbattuto subito prima di cuocerle, avrete una doratura bruna se usate solo il tuorlo, più chiara usando l'uovo intero. Mettete in forno già calòdo a 180°C per circa 15-20 min...........E BUON APPETITO..........

Nessun commento:

Posta un commento

°°° ER PORCO E ER SOMARO°°°

Una mattina un povero Somaro, ner vede un Porco amico annà ar macello, sbottò in un pianto e disse:-" Addio, fratello: nun se vedemo più, nun c'è riparo! " -Bisogna esse filosofo, bisogna; -iè disse er Porco -via, nun fà lo scemo chè forse un giorno se ritroveremo in quarche mortadella de Bologna! TRILUSSA