I Dolcissimi.................

Ho sempre adorato cucinare e in particolare fare dolci, ma non quelli da grandi chef complicati e difficili.....Una bella torta di mele, una soffice torta al cioccolato l'importante è che sia fatta con semplicità e amore e che delizi i palati che le gusteranno...















Lettori fissi

mercoledì 11 maggio 2011

***SARDE E CARCIOFI A TORTINO***


http://vecchisapori.blogspot.com/

INGREDIENTI:  600GR DI SARDE FRESCHISSIME- 4 CARCIOFI- 2 dl DI OLIO DI OLIVA- 3 CUCCHIAI DI PREZZEMOLO TRITATO- 25 GR DI PANE GRATTIGIATO- IL SUCCO DI 1/2 LIMONE- PEPE- SALE-.
Pulite e lavate le sarde, togliete le teste, apritele a libro lasciandole attaccate da una parte; eliminate anche la lisca centrale, lavatele, asciugatele, spruzzate l'interno di sale e pepe, aggiungete poco prezzemolo tritato e richiudetele. Pulite i carciofi, scartate le foglie dure, spuntateli, tornite il gambo, apriteli, eliminate il fieno interno e tagliateli a fettine sottili nel senso della lunghezza. Ungete la teglia con l'olio e disponete sul fondo uno strato di fettine di carciofi, condite con un pò di sale, quindi formate no strato di sarde disponendole a raggiera con la coda verso il centro. Salate e pepate leggermente il pesce, condite con l'olio fatto scendere a filo e cospargete con metà del prezzemolo rimasto. Formate un secondo strato di carciofi e uno successivo di sarde. Condite con olio, poco sale, pepe e prezzemolo e cospargete din superficie  il pane grattugiato. Versate ancora un filo d'olio d'oliva e mettete in forno, fate cuocere a calore moderato per circa 45 minuti, o fino a quando sarde e carciofi saranno cotti al punto giusto e la superficie della preparazione sarà ben gratinata. Prima di portare in tavola versate sul tortino il succo di limone e servite direttamente nella stessa teglia......EVVIVA IL PESCE AZZURRO!!!!!!!! 

Nessun commento:

Posta un commento

°°° ER PORCO E ER SOMARO°°°

Una mattina un povero Somaro, ner vede un Porco amico annà ar macello, sbottò in un pianto e disse:-" Addio, fratello: nun se vedemo più, nun c'è riparo! " -Bisogna esse filosofo, bisogna; -iè disse er Porco -via, nun fà lo scemo chè forse un giorno se ritroveremo in quarche mortadella de Bologna! TRILUSSA