I Dolcissimi.................

Ho sempre adorato cucinare e in particolare fare dolci, ma non quelli da grandi chef complicati e difficili.....Una bella torta di mele, una soffice torta al cioccolato, l'importante è che sia fatta con semplicità e amore e che delizi i palati che le gusteranno.....LA DOLCEZZA E' IL BENE PIU' PREZIOSO DA DONARE A CHI SI AMA !

Lettori fissi

domenica 13 aprile 2014

***CIAMBELLA ALLA MARMELLATA E GANACHE DI FRAGOLE***

INGREDIENTI :   120 g di farina 00  -  100 g di zucchero semolato -  2 uova -  1 vasetto di yogurt alla fragola -  1/2 bustina di lievito per dolci -   confettura di fragola - 
Per la ganache alla fragola :  125 g di panna liquida -  sciroppo di glucosio -  confettura di fragola  -.
http://vecchisapori.blogspot.com

Montare con la frusta elettrica i tuorli d'uovo con lo zucchero a spuma. Aggiungere il vasetto di yogurt alla fragola, amalgamando bene con un cucchiaio di legno. Far cadere a pioggia la farina e il lievito. A parte sbattere gli albumi a neve e aggiungerli al composto con movimenti delicati. Imburrare e infarinare uno stampo a forma di ciambella e coprire con metà del composto, mettere uno strato di marmellata alle fragole e ricoprire con l'altra metà della pasta. Cuocere in forno già caldo a 180° C per 25-30 minuti.  Preparare la ganache :  Montare a neve la panna con la frusta elettrica . Mettere a scaldare leggermente la confettura di fragola in un pentolino , aggiungere 2-3 cucchiai di sciroppo di glucosio, ( non deve bollire, solo tiepido calore). Aggiungere la panna alla confettura. Mettere in frigo a rassodare.   Sfornare la ciambella e con la ganache raffreddata , ricoprire la superficie del dolce.( ci ho dato una grattatina di cioccolato fondente .......) Si sente un profumo di fragole per tutta la casa quando cuoce.....Ottima per una merenda ma anche per colazione.....


http://vecchisapori.blogspot.com

http://vecchisapori.blogspot.com

Nessun commento:

Posta un commento

°°° ER PORCO E ER SOMARO°°°

Una mattina un povero Somaro, ner vede un Porco amico annà ar macello, sbottò in un pianto e disse:-" Addio, fratello: nun se vedemo più, nun c'è riparo! " -Bisogna esse filosofo, bisogna; -iè disse er Porco -via, nun fà lo scemo chè forse un giorno se ritroveremo in quarche mortadella de Bologna! TRILUSSA