I Dolcissimi.................

Ho sempre adorato cucinare e in particolare fare dolci, ma non quelli da grandi chef complicati e difficili.....Una bella torta di mele, una soffice torta al cioccolato l'importante è che sia fatta con semplicità e amore e che delizi i palati che le gusteranno...















Lettori fissi

venerdì 7 ottobre 2011

***CROSTATA DI PERE CON CREMA DI CIOCCOLATO***

INGREDIENTI :125 gr di farina- 1 tuorlo -90 gr di zucchero -100 gr di burro -40 gr di cacao amaro -3 pere -60 gr di cioccolato fondente- 100 gr di marmellata di arance amare -.

http://vecchisapori.blogspot.com
http://vecchisapori.blogspot.com
Montate 80 gr di burro con 70 gr di zucchero, , unite il tuorlo, la farina e il cacao setacciati e impastate velocemente fino a ottenere un composto omogeneo; formate una palla avvolgetela nella pellicola e mettetela in frigo per 30 minuti.  Stendete la pasta in un disco sottile e mettetelo in una teglia foderata con carta da forno. Spennellate il fondo con la marmellata d'arancia e adagiatevi sopra le pere sbucciate e tagliate a fettine, disponendole a ventaglio. Cospargete con lo zucchero            e mettete a cuocere in forno già caldo a 180°C per 40 minuti. Sfornate la crostata e lasciatela raffreddare. Sciogliete il cioccolato a bagnomaria con il burro rimasto e servite la crema ottenuta ancora calda insieme alla crostata
Deliziosa per una merenda in compagmia con gli amici....Se volete si può mettere la crema di cioccolata al posto della marmellata di arance. Io l'ho provata in tutte e due le maniere , ed è deliziosa sempre ...la marmellata le dà un gusto dolce-amaro che non dispiace...immersa la fetta nella crema di cioccolato poi....slurp slurp!!!! Dopo però una corsetta ci stà tutta .....bacio!!!!

1 commento:

  1. Mamma mia che crostata magnifica!!Anche la frolla con il cacao...dev'essere buonissima! Piacere di averti trovata, se ti va passa a trovarmi, mi farebbe piacere;-)

    RispondiElimina

°°° ER PORCO E ER SOMARO°°°

Una mattina un povero Somaro, ner vede un Porco amico annà ar macello, sbottò in un pianto e disse:-" Addio, fratello: nun se vedemo più, nun c'è riparo! " -Bisogna esse filosofo, bisogna; -iè disse er Porco -via, nun fà lo scemo chè forse un giorno se ritroveremo in quarche mortadella de Bologna! TRILUSSA