I Dolcissimi.................

Ho sempre adorato cucinare e in particolare fare dolci, ma non quelli da grandi chef complicati e difficili.....Una bella torta di mele, una soffice torta al cioccolato l'importante è che sia fatta con semplicità e amore e che delizi i palati che le gusteranno...















Lettori fissi

mercoledì 29 maggio 2013

***PANE CON LIEVITO MADRE***



http://vecchisapori.blogspot.com














http://vecchisapori.blogspot.com

E' una grande soddisfazione fare il pane in casa, ancora di più se fatto con il lievito madre. Sono 2 mesi che ho fatto il lievito madre e ogni fine settimana faccio il pane e sicuramente è tutta un'altra storia .Il profumo che si sente per casa è stupefacente per non parlare della durata del pane , mi rimane morbido e scrocchiarello anche per una settimana. Che buono il mio pane!!!

http://vecchisapori.blogspot.com
E questo è il mio lievito madre.....cresce molto bene!!!!!

lunedì 27 maggio 2013

***TORTA RICOTTA E GOCCE DI CIOCCOLATO***

INGREDIENTI :    200 g di ricotta
100 g di latte
50 g di olio
2 uova
200 g di farina 00
120 g di zucchero
q.b. vaniglia
scorza grattugiata di 1 limone
1 bustina di lievito
q.b. gocce di cioccolato
2 cucchiai di nutella
Per la copertura:
q.b. zucchero a velo vanigliato -
http://vecchisapori.blogspot.com
cioccolato fondente.-
Preparazione: Mettere e le uova in una ciotola e con una frusta elettrica amalgamare bene fino a farli diventare una spuma, aggiungere tutti gli altri ingredienti e per ultimo le gocce di cioccolato. Versare il composto nella teglia imburrata e infarinata (io ne ho usata una da 18 cm di diametro). Infornare in forno già caldo a 180°C per circa 40 minuti. Una volta raffreddata spolverare di zucchero a velo vanigliato. Per le decorazioni di cioccolato , ho fatto sciogliere il cioccolato fondente a bagnomaria poi con una sacca da pasticcere ho fatto i ghirigori su carta da forno, ho messo in frigo per 20 minuti e li ho trasferiti sul dolce....e il gioco è fatto !!!

°°° ER PORCO E ER SOMARO°°°

Una mattina un povero Somaro, ner vede un Porco amico annà ar macello, sbottò in un pianto e disse:-" Addio, fratello: nun se vedemo più, nun c'è riparo! " -Bisogna esse filosofo, bisogna; -iè disse er Porco -via, nun fà lo scemo chè forse un giorno se ritroveremo in quarche mortadella de Bologna! TRILUSSA