I Dolcissimi.................

Ho sempre adorato cucinare e in particolare fare dolci, ma non quelli da grandi chef complicati e difficili.....Una bella torta di mele, una soffice torta al cioccolato l'importante è che sia fatta con semplicità e amore e che delizi i palati che le gusteranno...















Lettori fissi

mercoledì 9 marzo 2011

°°°° TIMBALLO DI MACCHERONI °°°°

 Ingredienti per 4 persone : 350 gr di maccheroni- 250 gr di carne tritata di manzo- 150 gr di ricotta- 100 gr di mozzarella- 600 gr di pomodori maturi- 50 gr di parmigiano grattugiato- 25 gr di burro- 20 gr di pangrattato- 2 cucchiai di olio- 1 uovo sodo- 1 uovo intero- 1 cipolla- 1 cucchiaio di prezzemolo tritato- alcune foglie di basilico- sale e pepe-.
Mondate e lavate i pomodori, metteteli a cuocere in una casseruola cosi interi con le foglie di basilico e un pizzico di sale grosso. Quando si sono quasi disfatti passateli al setaccio, raccoglieteli in una terrina.In un altra casseruola intanto fate rosolare con il burro e l'olio, la cipolla affettata sottilmente poi unitevi 100 gr di carne macinata, fatela dorare bene, versatevi i pomodori passati; aggiustate di sale e di pepe e portate a cottura.Con la rimanente carne trita e un uovo, sale e prezzemolo, preparate delle polpettine(devono essere grandi come nocciole), passatele nel pane grattato, friggetele in abbondante olio caldo, appena diventano dorate sgocciolatele,mettetele su carta assorbente perchè perdano l'eecesso di olio. Lessate in abbondante acqua salata i maccheroni, scolateli al dente; metteteli in una terrina, conditeli con il ragù. Disponete una metà di pasta in una teglia imburrata; sopra mettete uno strato di polpettine, fettine di mozzarella e ricotta, le uova sode sgusciate e tagliate a spicchi sottili. Condite con il sugo e parmiggiano grattugiato, coprite con la pasta rimasta. Irrorate con sugo e parmiggiano. Mettete in forno caldo e fate cuocere per 40 minuti circa a 180°C.

Nessun commento:

Posta un commento

°°° ER PORCO E ER SOMARO°°°

Una mattina un povero Somaro, ner vede un Porco amico annà ar macello, sbottò in un pianto e disse:-" Addio, fratello: nun se vedemo più, nun c'è riparo! " -Bisogna esse filosofo, bisogna; -iè disse er Porco -via, nun fà lo scemo chè forse un giorno se ritroveremo in quarche mortadella de Bologna! TRILUSSA