I Dolcissimi.................

Ho sempre adorato cucinare e in particolare fare dolci, ma non quelli da grandi chef complicati e difficili.....Una bella torta di mele, una soffice torta al cioccolato l'importante è che sia fatta con semplicità e amore e che delizi i palati che le gusteranno...















Lettori fissi

lunedì 28 marzo 2011

°°° FAGIOLI CON LE COTICHE ALLA ROMANA°°°


http://vecchisapori.blogspot.com/

E' un piatto tipico  della città eterna ...che è anche la mia città natale. In questo piatto si sente tutta la romanità della cucina romana. Molto apprezzato da chi viene da fuori Roma e richiestissimo dagli stranieri.....Io l'ho cucinati e ,certo non è proprio adatto per chi vuole mettersi a dieta , ma chi lo mangia poi non può fare a meno della famosa " scarpetta" a fine pasto...
Ingredienti per 6 persone: 500 gr di fagioli bianchi secchi ( cannellini )- 150 gr di cotenne di maiale- 1 cucchiaio di strutto ( o olio )- 50 gr di grasso di prosciutto- 1/2 spicchio d'aglio- 1 costa di sedano - 1 cipolla bianca affettata sottile- 500 gr di pomodoro pelati - 1 cucchiaio di salsa di pomodoro sciolta in poca acqua-  sale e pepe-.
Mettete a bagno i fagioli per 12 ore in acqua fredda. Scolateli e fateli lessare in abbondante acqua fredda senza sale. Intanto fiammeggiate , raschiate e lavate le cotenne. Ponetele in un pentolino con acqua fredda e fatele bollire per circa 10 minuti. Scolatele e lasciatele raffreddare e tagliateli in pezzi piuttostogrossi. Ponetele nuovamente nel pentolino con abbondante acqua, incoperchiate e fatele bollire  fino a che saranno morbide, quindi scolatele. Preparate un trito con il grasso di prosciutto, l'aglio e la costa di sedano taglita a dadini. Mettete in un tegame un cucchiaio di strutto e fatevi soffriggere la cipolla; unite il trito appena preparato e fate soffriggere il tutto rigirando con un cucchiaio di legno sino a buona doratura. Aggiungete i pomodori e la salsa e lasciate cuocere fino a che il sugo si sarà un pò ristretto. Unite i fagioli lessati, le cotiche, sale e pepe. Lasciate insaporire ancora per una mezz'ora a fuoco basso, quondi servite ben caldo.

3 commenti:

  1. E da buona romana posso confermare...bbbbbonaaaaaa!!
    Ciao e buona settimana!!!

    RispondiElimina
  2. Una buona settimana anche a te e grazie per il commento....Hai ragione è prprio bbbbbonaaaa!!!!

    RispondiElimina
  3. Ciao Lucilla!
    Ogni volta che mi metto ai fornelli ho bisogno di controllare che faccia tutto bene... Quindi mi metto a cercare la ricetta online.... e così sono arrivata al tuo blog, che mi è piaciuto moltissimo.
    Grazie!
    Verrò spesso a dare una sbirciatina!!!

    RispondiElimina

°°° ER PORCO E ER SOMARO°°°

Una mattina un povero Somaro, ner vede un Porco amico annà ar macello, sbottò in un pianto e disse:-" Addio, fratello: nun se vedemo più, nun c'è riparo! " -Bisogna esse filosofo, bisogna; -iè disse er Porco -via, nun fà lo scemo chè forse un giorno se ritroveremo in quarche mortadella de Bologna! TRILUSSA